La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Venerdi, 28 Luglio 2017
Copparoni Renato
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Copparoni Renato

 

 

Renato Copparoni e Renato Zaccarelli

NOME: COPPARONI RENATO
NATO A: SAN GAVINO (CA)
IL:27.10 1952
RUOLO:  PORTIERE/ALLENATORE
ALTEZZA:
PESO:   Kg

Renato Copparoni, preparatore dei portieri della Nuorese nelle stagioni 2004.05, 2005.06 e 2006.07, ha contribuito alla vittoria dei campionati di Eccellenza e di Serie D, e lasciando una importante impronta sulle carriere dei giocatori da lui allenati: PierPaolo Garau, Simone Pettinari, Marco Manis, Davide Capello tra i tanti.

Conosciuto per la sua carriera calcistica nel ruolo di portiere. In attività negli anni 70-80 nel campionato italiano. Il suo Esordio in A risale al 13.05.1973 in occasione della gara Cagliari-Torino  1-0 (due delle squadre nelle quali ha militato).

Prodotto del vivaio del Cagliari, fece anticamera avendo avanti a sè due maestri come Enrico Albertosi e Adriano Reginato. Ritiratosi il secondo, e approdato l’azzurro Ricky al Milan al termine della stagione 73- 74, anzichè puntare su di lui, la società sarda scelse un portiere di esperienza come William Vecchi, al fine di non bruciarlo prematuramente. L’anno dopo un imprevisto infortunio di Vecchi cambiò le gerarchie tra i pali e Copparoni si ritrovò sulle sue spalle una squadra decisamente indebolita rispetto agli anni precedenti finendo per rimanere coinvolto in un campionato negativo, conclusosi con la retrocessione della squadra sarda in Serie B. Confermato per la stagione successiva, ebbe modo di riscattarsi portando con le sue parate il Cagliari agli spareggi promozione con Pescara e Atalanta. Nel 78- 79 la scelta di tornare nella massima serie per fare il portiere di riserva nel Torino dedicandosi con più continuità agli studi universitari per conseguire la laurea in scienze politiche. Tanti anni di panchina come secondo di Giuliano Terraneo prima e Silvano Martina poi, con solo 4 presenze in 7 campionati, una situazione senza molti sbocchi che di riflesso lo portò a pensare concretamente al ritiro. Durante la stagione 85 - 86 un infortunio di Martina gli diede la possibilità di tornare a giocare con più continuità e di dimostrare di essere ancora un portiere di tutto rispetto. Totalizzò 21 presenze garantendo sicurezza e stabilità alla difesa. Si tolse pure la soddisfazione di parare un rigore a Diego Armando Maradona.Ma la società, anziché riconfermarlo titolare per l’anno successivo vista la cessione di Martina alla Lazio, preferì acquistare dall’Inter il promettente Fabrizio Lorieri. Da qui la richiesta di essere ceduto in polemica con la Società e l'allenatore Radice. Ricomposta la frattura, Copparoni, accettò di rimanere in granata e di tornare in panchina con la consueta professionalità mostrata negli anni passati, pronto per una nuova opportunità che arrivò nel girone di ritorno offertagli da un calo di rendimento di Lorieri. Ebbe pure l’occasione di debuttare da titolare a 35 anni in Coppa Uefa. Un infortunio nel derby a causa di uno scontro di gioco con l’ex granata Aldo Serena lo costrinse a finire la stagione in anticipo. L’anno dopo si trasferì al Verona per fare “da balia” a Giuliano Giuliani collezionando una sola presenza in campionato prima dell’addio all’attività agonistica nel 1988.

Inizia la carriera di allenatore e preparatore dei portieri, passando da Foggia, poi alla Lazio dove farà anche l'allenatore in seconda sino al rientro in Sardegna nel 2005 alla Nuorese. A lui si deve anche la nascita della scuola calcio "Renato Copparoni" , fondata nella sua città natale S.Gavino.

fonte base wikipedia

CARRIERA DA GIOCATORE

NEL CAGLIARI DAL 1972.73 AL 1977-78 72 PRESENZE 93 GOL SUBITI

NEL TORINO DAL 1978.79 AL 1986.87 49 PRESENZE

NEL VERONA  1988-89 1 PRESENZA

 
Banner

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 12696757
 220 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!