Home Società Lo stadio Il Quadrivio di una volta

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Mercoledi, 30 Luglio 2014
Array
Il Quadrivio di una volta
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Il Quadrivio e l’orgolese mudu che croca

 


 

Dal “Quadrivio” si cominciava ad uscire dalla città e dopo il breve rettilineo centrale c’erano già orti e vigne, Badu ‘e carros col suo ponticello in ferro sulla curva a gomito e poi il rettilineo verso il pino di Grazia Deledda, dove si sperava sempre di portare qualche ragazza a romanticare, ma non succedeva mai.
A destra la leggera salita verso Orune e Bitti e, dopo la prima grande curva, “il talco” della facoltosa famiglia Guiso Gallisai.
Non sapevamo bene come si producesse il talco e non che ce ne fregasse molto; è che si vedevano quel pezzo di strada, gli alberi e l’erba della collinetta sempre ricoperti di una polverina bianca un po’ appiccicosa; e i camion, anch’essi tutti imbiancati, che entravano e uscivano.
A sinistra la strada per Mamoiada e Orgosolo, che però aveva un’aria un po’ ostile con tutte quelle curve subito in discesa ripida , senza alberi e senza niente intorno.
All’inizio della strada, il muro rosso-pompeiano dell’ “artiglieria”, il suo grande cancello nero sempre chiuso, con ai lati le sagome di due bombe grandi e appuntite che sembravano proprio vere.
Cosa si facesse dentro l’ “artiglieria” non si sapeva bene. Armi? Munizioni? Le portavano via durante la notte? Chi ci lavorava dentro non parlava, o parlava poco. -Manutenzione di macchinari militari- era la frase generica più sentita. Così la fantasia dei ragazzi galoppava. Se scoppia un deposito morirà un sacco di gente; ma ci sono le guardie giorno e notte. Il mistero era sempre vivo.
Tra la strada per Mamoiada e quella centrale per Macomer, troneggiava il “quadrivio”, il nostro campo di calcio in terra battuta che quando cadevi ti venivano via striscette di pelle e la terra rimaneva attaccata al poco sangue che usciva. Andavi a bordo campo, ci pisciavi sopra e di nuovo al tuo posto.
Le linee bianche laterali, l’area di rigore e il dischetto le faceva a mano il signor Cocco. Prendeva un grosso innaffiatoio, lo riempiva di calce bianca molto liquida e la versava con attenzione su ciò che era rimasto della linea bianca precedente. Quando la mano tremava, tremava anche la linea. Ma per noi era bellissima e perfetta lo stesso. Comunque le linee del campo e le aree di rigore si tracciavano solo quando giocava “la Nuorese”. Non c’erano le tribune e il pubblico faceva tifo stando ai due lati del campo. Lì sì che era bello anche se non giocavi; sentivi il sibilo del pallone, l’ansimare dei giocatori; vedevi il sudore, mandavi affanculo l’arbitro che un po’ si impauriva pure. Gli scheletri delle porte erano in legno un po’ vecchiotto e al centro erano incurvate. Anche le reti comparivano solo quando giocava la Nuorese di Zumburru, Gigi Baffi, Costantino Mannironi, i fratelli Bombagi e, più tardi, Titino Floris, Zommeddu Mele, Bobore Sanna, tonino Piras , noto Glen, Francesco Pintor.
Da giocatore, da pubblico, da guardalinee; il bello era starci dentro, vicino. Vicino allo sgambetto e al rigore parato, al pallone che ti rimbalza davanti e quasi lo puoi toccare. Poi piove d’improvviso ma a scappare neanche ci pensi e al massimo ti metti con altri tre o quattro sotto un unico ombrello, tanto mancano solo venti minuti e speriamo che Titino segni. Quando vai all’Olimpico i giocatori sono formichine, il pallone è una pallina da biliardo , tutto è lontanissimo. Stai a casa in poltrona: tutto è vicinissimo e poi c’è quello che ti spiega tutto.
Ma tu che fai? Impari? Ma una partita non si impara , una partita è come un’ora di sole, un piatto di spaghetti, un pugno sullo stomaco, un profumo, una carezza, si vivono e basta.

documento tratto dal sito sardinianews.it , potete leggerlo integralmente cliccando qui

 
Banner

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Donazioni

Trovi utile questo sito? Aiutaci a mantenerlo e farlo crescere. Fai una donazione a importo libero. Grazie!
Tot. visite contenuti : 4963279
 281 visitatori online