Home Squadra Stagione 2016-17 Nuorese-Città di Castello: 2-0

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

martedi, 12 Dicembre 2017

Campionato di Serie D Girone G stagione 2017-2018

NUORESE

0

Prossimo incontro
10-12-2017 ore 14:30

LATINA

3

PARTITE IN DIRETTA RISULTATI GIORNATA NOTIZIARIO | PAGINA FACEBOOK
CALENDARIO NUORESE CLASSIFICA GENERALE STATISTICHE CAMPIONATO
Nuorese-Città di Castello: 2-0
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Nuorese-Città di Castello 2-0

seconda vittoria verdeazzurra

 

Nuorese: Frasca,Tupponi, Scintu, Del Sole (al 46' Carta) , Goh, Peana, Cadau, Gallo (al 77' Pusceddu), Ucha Lopez, Molino, Mendy (al 46' Botti). A disposizione: Pintus, Moro, Falasca, Bezziccheri, Masocco. All. Mariotti

Città di Castello: Simone, Boninsegni, Cioffi, Idromela, Rizzo, Pucci, Mancinelli, Dida (al 76' Desley), Lopez, Franzese, Locchi (all'86' Suma). A disposizione: Massetti, Severini, De Toma, Zimoch, Speranza. All. Ganco

Arbitro: Votta Federico di Moliterno

Assistenti: Mari Gabriele e Tempestini Giulia di Roma

Gol: 24' Molino su calcio di rigore, 37' Gallo (N)

Ammoniti: Pucci, Dida, (C)Gallo, Tupponi, Pusceddu, Peana (N)

Note: spettatori 800 circa, recupero 1' pt, 3' 2tp, angoli 5-5


Altro successo all'inglese per la Nuorese che nel giorno dell'esordio casalingo liquida la pratica Città di Castello con i gol di Molino, ancora a segno dal dischetto, e Scintu. I verdeazzurri restano così a punteggio pieno dividendo il primato con Arzachena, Albalonga, Avezzano, Rieti e Ostiamare. Non solo sorrisi però in casa verdeazzurra: mister Mariotti infatti benedice solo il risultato finale ed i relativi tre punti, la prestazione non è piaciuta al tecnico romano che anzi, ha avuto parole di elogio per la giovane compagine avversaria, mentre per i suoi c'è tanto lavoro da fare. L'analisi del mister è molto dura ma un fondo di verità c'è: sulla carta la gara di oggi era una sfida decisamente impari tra una squadra, la Nuorese, costruita per disputare un campionato importante, e gli umbri che si presentavano al Quadrivio con tanti fuori quota e una serie di vicende che hanno sicuramente condizionato il lavoro di mister Genco. La Nuorese ha meritato la vittoria ma, come sottolineato dal mister, ha giocato troppo in punta di piedi con un atteggiamento a volte superficiale, commettendo errori che avrebbero potuto rimettere in partita i biancorossi, volenterosi ma poco efficaci.

La cronaca: riapre i battenti il Quadrivio fresco di riapertura (parziale) della gradinata dove si sistemano gli ultras che strappano applausi per la coreografia iniziale. Mariotti conferma il 4-3-1-2 visto a Sassari, la novità è Del Sole al posto di Falasca a centrocampo, in difesa davanti a Frasca, la coppia centrale è Scintu-Peana con Tupponi e Cadau ai lati, in mediana insieme al centrocampista siciliano ci sono Gallo e Goh con Molino che gioca dietro Mendy e Ucha Lopez. Nel Città di Castello Speranza sostituisce all'ultimo l'infortunato Idromela, uno dei più esperti, in campo ben 6 “under” tra cui Lopez e Locchi, le punte chiamate ad impensierire la retroguardia verdeazzurra. In avvio al 4' ci prova Molino su invito di Cadau, il tiro dell'ex Olbia è murato in corner. Al 7' si vedono gli ospiti con Lopez che mette fuori sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Locchi. Lo stesso Locchi, 4 minuti dopo, tenta la soluzione personale da oltre 30 metri senza impensierire Frasca. Sul capovolgimento di fronte Nuorese vicina al gol, Cadau pennella per Ucha, il colpo di testa ravvicinato dell'argentino finisce fuori. Al 21' cross di Gallo dalla destra, Del Sole tenta la battuta al volo, ottima coordinazione ma il tiro è alto. 3 minuti dopo la Nuorese passa. Il signor Votta vede un fallo di mano di Pucci in piena area e assegna il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Molino che angola perfettamente alla sinistra di Simone che intuisce ma non ci può arrivare. La reazione degli ospiti è tutta in una conclusione di Lopez alla mezz'ora che costringe Frasca alla respinta verso l'esterno. Al 37' arriva il raddoppio: punizione dalla sinistra di Molino, la palla danza in area di rigore, Goh ci prova due volte trovando l'opposizione del muro avversario, sbuca Scintu che da pochi passi fa il 2-0. C'è tempo per annotare l'ammonizione per Gallo e un tentativo di Rizzo su azione di calcio d'angolo che si perde sul fondo, poi l'arbitro manda le squadre a riposo, il 2-0 premia la maggior concretezza dei padroni di casa ma mister Mariotti non è soddisfatto, in particolare gridano vendetta due palloni persi nella propria metà campo che potevano costare cari ai suoi.

 

E così la ripresa si apre con due cambi, con Carta e Botti che rilevano Del Sole e Mendy, Cadau avanza sulla linea dei centrocampisti dove Gallo si accentra mentre Molino agisce da seconda punta. Il primo squillo è di Ucha che da posizione defilata impegna Simone in un difficile intervento. All'11' il portiere ospite rischia di essere beffato da uno spiovente di Carta da oltre 50 metri. 10 minuti dopo si vede il Città di Castello, tiro improvviso di Mancinelli da dentro l'area e grande risposta di Frasca con i pugni. La grande occasione per i tifernati arriva però 5 minuti dopo: lancio in profondità per Lopez che conclude verso la porta, la palla colpisce il palo e la schiena di Frasca prima di terminare sul fondo, l'episodio scuote la Nuorese che sul ribaltamento di fronte va vicina al 3-0 con Cadau che, servito da una sponda di Molino, calcia verso la porta di Simone, la mira non è precisa col pallone che finisce alto ma la combinazione tra i due fantasisti è da apprezzare. Altre due occasioni per i verdeazzurri a cavallo della mezz'ora: prima è Cadau a pescare Ucha Lopez dalla destra, il colpo di testa dell'argentino è ribattuto in corner, sull'azione successiva cross velenoso di Carta che attraversa tutta l'area senza trovare deviazioni. Nel finale c'è spazio per Pusceddu che si segnala per un'ammonizione ingenua (come quelle di Tupponi e Peana) ma anche per un buon tentativo al volo su invito di Carta, è l'ultima azione degna di nota di una partita che la Nuorese fa meritatamente sua. Un passo indietro dopo Sassari? Probabile, ma è più corretto dire che il rodaggio di questa squadra non è ancora finito, i meccanismi sono ancora da affinare e servirà un po' di tempo. Intanto i punti arrivano e questo non è certamente un dettaglio di poco conto.

Francesco Tuffu redazione nuoresecalcio.com


Curiosità:


Prima del calcio d'inizio i due presidenti si sono scambiati reciprocamente dei doni a centrocampo, mentre i giocatori della Nuorese hanno donato un mazzo di fiori alla signora Paola fresca moglie di Mister Mariotti


 



 

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 13983089
 188 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!