Home Squadra Stagione 2016-17 Nuorese-Rieti 2-2

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Lunedi, 23 Ottobre 2017

Campionato di Serie D Girone G stagione 2017-2018

APRILIA

1

Prossimo incontro
22-10-2017 ore 15:00

NUORESE

0

PARTITE IN DIRETTA RISULTATI GIORNATA NOTIZIARIO | PAGINA FACEBOOK
CALENDARIO NUORESE CLASSIFICA GENERALE STATISTICHE CAMPIONATO
Nuorese-Rieti 2-2
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Nuorese-Rieti 2-2

un pareggio carico di rimpianti

 

Nuorese: Frasca, Tupponi, Carta, Scintu, Flasca, Peana, Cadau, Gallo, Facundo (31’ st Mendy), Molino (38’ st Ucha Lopez), Botti (21’ st De Simone). A disposizione: Pintus, Dessolis, Masocco, Scognamiglio, Moro, Bezziccheri. Allenatore Mariotti.

Rieti: Kucich, Biondi, Lazzazera, Cosentini (4’ st Marcheggiani), Bianchi, Valeri (20’ st Trillò), Tiraferri (38’ st Piras), Luciani, Scotto, Dieme, Masala. A disposizione: Scaramuzzino, Bassini, Orchi, Dalmazzi, Tolomei, Camilli. Allenatore Paris.

Arbitro: Sajmir Kumara di Verona

Assistenti: Martina Bovini di Ragusa e Isidoro Grasso di Acireale

Reti:34’pt Molino, 1’ st Facundo,19’stValeri,44’stScotto.

Ammoniti Bianchi, Biondi, Lazzazzera, Scotto, Luciani (R) Scintu, Gallo.(N).


Un pareggio carico di rimpianti per la Nuorese che nel pomeriggio del Quadrivio disputa una delle migliori partite della stagione al cospetto della capolista Rieti. Una vittoria che sfuma nel finale e che lascia la Nuorese a -4 dalla vetta, ma mai come oggi Mariotti può essere soddisfatto dei suoi, davanti a uno degli avversari più forti la squadra ha dimostrato di poter competere fino in fondo per la vittoria finale. Nel soleggiato pomeriggio del Quadrivio si è visto finalmente il grande pubblico, oggi intorno alle 1000 unità, anche qui si può sempre migliorare ma sono buoni segnali: un ambiente caldo è sempre un valore aggiunto.

La cronaca: Mariotti deve fare a meno dello squalificato Goh e punta sulla linea verde in avanti: nel 4-2-3-1 il terminale offensivo è Facundo supportato da Botti, Molino e Tupponi, davanti alla difesa Falasca e Gallo hanno il doppio compito di tamponare e costruire, la linea arretrata è composta da capitan Cadau, il rientrante Peana, Scintu e Carta. Il Rieti risponde con il 3-5-2: in avanti l'ex Torres Scotto e Diemè, la regia è affidata a Bianchi (applauditissimo dai suoi ex sostenitori) che si avvale della collaborazione di Luciani e Masala.


L'avvio della Nuorese è veemente: al 7' traversone di Carta dalla trequarti, Tupponi non ci arriva per un soffio. Tre minuti più tardi Falasca libera Botti che viene chiuso in corner al momento del tiro. L'atteggiamento dei verdeazzurri costringe il Rieti sulla difensiva ma quando la squadra di Paris riesce a ripartire per il Quadrivio sono brividi: al 16' i laziali confezionano in contropiede la prima occasione, con Scotto che costringe Frasca al grande intervento su un colpo di testa ravvicinato. La Nuorese non si scompone e continua a macinare gioco: al 20' Gallo innesca Cadau sulla destra, sul cross basso del capitano è provvidenziale la chiusura di Biondi che anticipa Facundo. Al 22' ci prova Carta dalla distanza, conclusione da dimenticare. L'esterno ex Lupa Castelli è decisamente più efficace in fase difensiva quando alla mezz'ora con un grande anticipo leva il pallone dalla disponibilità di Diemè ben appostato. Al 34' la Nuorese passa: Falasca ai 20 metri vede l'inserimento di Molino, l'ex Olbia ha il tempo di prendere la mira e battere, con un preciso diagonale, l'incolpevole Kucich per il meritato vantaggio. Il Rieti non ci sta e fa capire di non accettare il ruolo di sparring partner: al 41' cross di Tiraferri, Diemè svetta e colpisce di testa mandando la sfera sul palo, la difesa verdeazzurra libera in corner, il Quadrivio tira un sospiro di sollievo. È l'ultima emozione del primo tempo che si conclude dopo 50 secondi di recupero. Nuorese avanti meritatamente se non altro per il maggior coraggio mostrato nei primi 45 minuti.


La ripresa si apre nel migliore dei modi per la la squadra di Mariotti che trova il raddoppio dopo nemmeno un minuto: Cadau difende un pallone sulla destra e lancia Tupponi, il giovane esterno nuorese guadagna il fondo e mette un ottimo cross su cui si avventa Facundo Lisazo che anticipa tutti e mette in rete. Per l'argentino è il secondo gol in campionato dopo quello che decise la partita con il Latte Dolce. Mister Paris inserisce Marcheggiani per dare più peso all'attacco ma è la Nuorese ad andare vicinissima al 3-0: Sul traversone di Carta, Tupponi è bravo a prendere tempo e posizione, ma la sua conclusione ravvicinata finisce incredibilmente alta. Un doppio peccato perché si poteva chiudere la gara e avrebbe coronato una delle migliori prestazioni di Tupponi in maglia verdeazzurra. Il Rieti prende coraggio e si butta in avanti ma senza essere pericoloso, ben controllato dalla retroguardia verdeazzurra. Almeno fino al 18' quando Diemè riceve palla in area, la difende dalla pressione di Peana e scarica per l'accorrente Luciani, la conclusione del numero 8 ospite è angolata e non lascia scampo a Frasca. Il Rieti torna in partita. Inizia la girandola dei cambi: Paris inserisce Trillò al posto di Valeri, Mariotti risponde con De Simone e Mendy al posto di Botti e Facundo. La squadra ospite si getta in avanti e prova a fare la partita. Al 32' Diemè vede l'inserimento di Marcheggiani, Frasca esce in anticipo subendo fallo dall'attaccante ospite, si accende un parapiglia che l'arbitro riesce a gestire senza fare ricorso ai cartellini. Mister Paris si gioca l'ultima carta inserendo Piras, nella Nuorese Ucha rileva un esausto Molino che esce tra gli applausi. I verdeazzurri sembrano poter controllare la partita ma al 44' arriva la beffa: sugli sviluppi di un corner dalla destra si accende una mischia in area, nessun giocatore verdeazzurro riesce a liberare e Luciani da grande opportunista mette alle spalle di Frasca. Inutili le proteste dei giocatori locali per un presunto fallo di Scotto sul portiere verdeazzurro, il Rieti trova il pareggio ammutolendo gli oltre 1000 spettatori del Quadrivio. La Nuorese è generosa e negli ultimi secondi del recupero ha l'occasionissima per riportarsi in vantaggio: angolo dalla destra di Gallo, sponda di De Simone verso il secondo palo dove arriva Scintu che di testa mette clamorosamente fuori.


È l'ultima emozione di una partita che lascia l'amaro in bocca ma anche tanta consapevolezza nei propri mezzi. Al di là del risultato la Nuorese ha dimostrato di essere una grande di questo campionato, con i ritocchi necessari e questo atteggiamento in campo si può andare davvero lontano.

Francesco Tuffu redazione nuoresecalcio.com

 

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 13556771
 297 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!