Home Squadra Stagione 2016-17 Nuorese-Torres: 1-0

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Lunedi, 23 Ottobre 2017

Campionato di Serie D Girone G stagione 2017-2018

APRILIA

1

Prossimo incontro
22-10-2017 ore 15:00

NUORESE

0

PARTITE IN DIRETTA RISULTATI GIORNATA NOTIZIARIO | PAGINA FACEBOOK
CALENDARIO NUORESE CLASSIFICA GENERALE STATISTICHE CAMPIONATO
Nuorese-Torres: 1-0
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Nuorese-Torres 1-0

 

Nuorese: Frasca, Tupponi, Di Nardo, Falasca, Goh, Peana, Cadau (80' Carta) , Gallo (79' Scognamiglio), Curcio, Molino , Facundo (46' Botti). A disposizione: Galizia, Stocco, Dessolis, De Simone, Scintu, Pusceddu. Allenatore: Marco Mariotti

Torres; Pinna, Andriolo, Gueli (46' Casu), Badami, Zavatto, Faye Balla, Marcangeli, Casula (69' Sanzeni), Sias, Frau (77' Fantasia), Bisogno. A disposizione: Sechi, Sassu, Murru, Gottuso, Mucilli, Ammoscato. Allenatore: Giuseppe Misiti.

Arbitro: Emilio Zanotti di Pavia

Assistenti: Cristoffer Meloni di Olbia e Andrea Gatti di Gallarate

Reti: 57' Molino (N) su calcio di rigore

Ammoniti: Frasca, Goh, Peana (N),  Marcangeli, Bisogno, Frau (T)

Note: angoli 6-3 per la Nuorese


Il girone di ritorno inizia con il piede giusto per la Nuorese che supera di misura la Torres al termine di una gara condotta per tutti i 90 minuti dalla squadra di Marco Mariotti, poco concreta come spesso le succede, ma anche solida e concentrata nell'affrontare un derby da favorita che presentava numerose insidie. Alla fine a decidere la partita è il calcio di rigore realizzato da Daniele Molino al 13' della ripresa che manda in frantumi la resistenza dei sassaresi, apparsi vogliosi e sufficientemente organizzati, ma del tutto inoffensivi, Frasca spettatore, Pinna quasi ma almeno la Nuorese ci prova, senza però trovare lo specchio della porta. Tre punti pesanti per Cadau e compagni che accorciano su alcune rivali, come Rieti, L'Aquila e Ostiamare e rilanciano la rincorsa ai playoff che dovrà necessariamente proseguire domenica a Città di Castello. La gara di oggi è stata decisamente più spettacolare sugli spalti: da Sassari arrivano circa 150 tifosi che hanno deciso di tornare ad incitare la Torres anche in trasferta, gli fanno da contraltare gli ultras nuoresi con striscioni, bandiere e l'immancabile sostegno. Gremita anche la tribuna che si infiamma soprattutto contro il quasi ex Alessandro Frau, le vicende dell'estate 2006 non sono dimenticate.


La cronaca: Mariotti recupera il lungodegente Di Nardo e lo schiera al centro della difesa accanto a Peana, Cadau e Tupponi presidiano le fasce, in mediana con Falasca ci sono Goh e il rientrante Gallo con Molino a supporto di Lizaso e Curcio. Misiti risponde con un prudente 4-5-1 con Sias nel ruolo di centravanti supportato da Marcangeli e Frau, l'obiettivo di disinnescare la manovra verdeazzurra e ripartire viene centrato a metà nel primo tempo, quando la Torres concede poco ma crea ancora meno. Parte forte la Nuorese, la prima occasione è per Lizaso che ruba il tempo al suo marcatore e conclude verso il secondo palo, palla fuori. Al 17' ci prova Molino da dentro l'area, conclusione sopra la traversa come quella di Gallo nemmeno un minuto dopo: il centrocampista ex Olbia aveva conquistato caparbiamente palla a centro area. La Nuorese si rivede alla mezz'ora: Cadau crossa per Falasca, ottimo terzo tempo del mediano verdeazzurro che anticipa tutti, il suo colpo di testa finisce alto. La partita si innervosisce un po' in questa fase: ne fanno le spese Bisogno e Marcangeli per gli ospiti, Peana per la Nuorese. I verdeazzurri ci provano nel finale: Al 36' Lizaso viene servito in profondità e conclude alto da posizione defilata. Al 45' sempre l'argentino si libera di Faye e punta la porta, ma il centrale rossoblù è bravo a recuperare. Brivido finale per Pinna su un tiro cross di Cadau, una deviazione mette l'ex portiere del Pescara fuori causa ma il pallone finisce di poco sul fondo. Il primo tempo si chiude così a reti inviolate, Nuorese troppo imprecisa, la Torres ringrazia ma ha anche i suoi meriti nel contenere i padroni di casa. La ripresa si apre con gli ingressi di Botti per Lizaso nella Nuorese, e di Casu per Gueli nella Torres, cambia poco, compreso il tema della partita. I sassaresi si presentano con un tiro senza pretese dell'ex Sias ma poi è la Nuorese a riprendere rapidamente le redini del gioco: il primo tentativo dei verdeazzurri è di Gallo, Andriolo chiude in corner. Al 12' l'episodio che cambia la partita: azione insistita della Nuorese, sul pallone vagante in area di rigore si avventa Molino che anticipa Zavatto che non riesce a fermare la corsa travolgendo il numero 10 di casa. Il signor Zanotti non ha dubbi e indica il dischetto. Come all'andata si presenta Molino che calcia con grande precisione alla sinistra di Pinna che intuisce ma non ci può arrivare: esplode il Quadrivio con la Nuorese che va a festeggiare sotto i propri ultras, il vantaggio è meritato. Ci si attende la reazione ospite ma è poca cosa: le idee in casa Torres sono poche e la Nuorese si adegua. L'unico segno di vita lo dà Marcangeli alla mezz'ora: l'esterno si libera, forse con un fallo su Peana, ma il suo tiro è un passaggio a Frasca. Il Quadrivio si infiamma poco dopo per una brutta entrata di Frau, sanzionata con il giallo, e per la successiva uscita dal campo (sostituzione) dell'ex Roma, salutato da quella che possiamo definire l'esatto contrario di una standing ovation. La Nuorese nel finale crea due opportunità: sulla prima Gallo tende a strafare e dopo aver saltato 2 avversari ed essere arrivato fino all'area piccola viene chiuso da Pinna, successivamente Curcio cerca il gran gol con una bella conclusione da fuori che finisce sul fondo. Alla Torres è rimasta solo la palla lunga, Mariotti si tutela inserendo Scognamiglio e Carta per Cadau e Gallo, la squadra ne guadagna in fisicità e non rischia nulla. C'è tempo solo per registrare l'ammonizione per Frasca per perdita di tempo poi l'arbitro manda tutti negli spogliatoi: come all'andata fa festa la Nuorese insieme ai suoi tifosi accorsi al Quadrivio, la Torres esce sconfitta ma la strada intrapresa sembra buona, la salvezza resta un obiettivo complicato ma non impossibile.

Francesco Tuffu redazione nuoresecalcio.com

 

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 13556728
 326 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!