Home Squadra Stagione 2016-17 Nuorese-L'Aquila: 1-1

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Giovedi, 23 Novembre 2017

Campionato di Serie D Girone G stagione 2017-2018

NUORESE

-

Prossimo incontro
26-11-2017 ore 14:30

BUDONI

-

PARTITE IN DIRETTA RISULTATI GIORNATA NOTIZIARIO | PAGINA FACEBOOK
CALENDARIO NUORESE CLASSIFICA GENERALE STATISTICHE CAMPIONATO
Nuorese-L'Aquila: 1-1
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Nuorese-L'Aquila 1-1

Un punto amaro al Quadrivio

 

Nuorese: Frasca, Tupponi (81' Botti), Di Nardo, Scognamiglio, Goh, Peana, Cadau (90' Pusceddu), Falasca, Curcio, Molino (64' Gallo), Heatley. A disposizione: Galizia, Dessolis, Facundo, De Simone, Scintu, Carta. Allenatore: Marco Mariotti.

L'Aquila: Farroni, Arboleda, Pietrantonio (56' Sieno), Pupeschi, Esposito (46' Valenti), Gagliardini, Minicleri, Steri, Nohman, Peluso, Ranelli. A disposizione: Salvetti, Tortorici, Rovo, Carice, Sbardella, Ruggini Allenatore: P.F.Battistini

Arbitro: Davide Copat di Pordenone

Assistenti: Marco Pellegrinelli di Lovere e Ivano Agostino di Sesto San Giovanni

Reti: 41' Molino su calcio di rigore (N), 87' Nohman (A)

Ammoniti: Falasca (N), Pupeschi, Ranelli (A)

Note: bella giornata di sole, spettatori circa 600, angoli  9-5 per la Nuorese, recuperi 2'pt, 5st. al 52' espulso l'allenatore ospite per proteste

Un punto e tanta amarezza per la Nuorese che nel turno pre pasquale viene bloccata da L’Aquila al termine di una gara condotta per quasi tutti i 90 minuti, dove però Cadau e compagni hanno difettato non poco in fase realizzativa. Il dominio della Nuorese ha partorito solo un gol su calcio di rigore (molto discusso dagli ospiti) e tante occasioni che sono diventate sanguinose recriminazioni quando Nohman, a pochi minuti dalla fine, ha gelato i 1000 del Quadrivio. Un vero cazzotto nello stomaco per Mariotti e i suoi che vedono sfumare l’aggancio al quarto posto occupato dall’Ostiamare, prossimo avversario dei verdeazzurri domenica 23 aprile. All’Anco Marzio sarà quasi uno spareggio. Vincere significherebbe scavalcare i biancoviola e mettere una seria ipoteca sui playoff, viceversa c’è il rischio di subire il ritorno di chi sta sotto ed è ancora troppo vicino. Le prestazioni degli ultimi tempi fanno ben sperare, la speranza è che in terra laziale torni quella lucidità sotto porta che purtroppo è rimasta a Rieti.

La cronaca: “Squadra che vince non si cambia”, è questo che deve aver pensato Marco Mariotti conferma l’11 che ha brillantemente espugnato il “Manlio Scopigno”, lasciando fuori Gallo, al rientro dalla squalifica. In panchina anche Pusceddu e Facundo, entrambi a segno nel poker all’ex capolista. Davanti a Frasca linea a 4 con Di Nardo, Scognamiglio, Peana e Tupponi, a centrocampo Cadau, Goh e Falasca con Molino alle spalle di Heatley e Curcio. Nel L’Aquila Nohman è supportato da Peluso, a centrocampo dirige Steri insieme a capitan Minincleri. L’avvio è di marca ospite con gli abruzzesi che partono bene e sfiorano il gol dopo appena 3 minuti: Peluso ci prova da fuori, la palla esce di poco oltre l’incrocio più lontano. La Nuorese si vede per la prima volta dopo un quarto d’ora con un calcio di punizione di Molino respinto da Farroni. Col passare dei minuti crescono i verdeazzurri: al 23’ su un corner dalla sinistra Peana anticipa tutti sul primo palo, colpo di testa e grande risposta di Farroni, nessun giocatore verdeazzurro riesce a ribadire e l’azione sfuma. 5 minuti dopo ci prova Curcio da fuori, il numero 9 si libera bene ma conclude debolmente. Al 38’ grande occasione per la Nuorese: su un cross dalla sinistra Molino stacca in anticipo sul diretto avversario, palla che colpisce Cadau che aveva cercato la deviazione e finisce sul fondo. Il gol sembra nell’aria e arriva pochi minuti dopo: su un cross dalla destra Heatley viene affossato da Arboleda, per l’arbitro è rigore, vivaci le proteste degli ospiti, in particolare di mister Battistini che a fine gara non userà giri di parole per definire inesistente il penalty. Dal dischetto Molino spiazza Farroni per il meritato vantaggio verdeazzurro. Nel recupero Heatley ruba palla a Steri e prova a lanciare Cadau in contropiede, passaggio troppo arretrato e azione che sfuma. Si va al riposo.


Ad inizio ripresa Battistini inserisce Valenti al posto di Esposito, aumentando il tasso offensivo dei suoi, il L’Aquila parte bene: Nohman ispira Peluso ma Scognamiglio è bravo a sbarrargli la strada. Al 5’ la Nuorese va vicina al raddoppio: azione insistita dei verdeazzurri, il pallone arriva a Curcio che da posizione defilata impegna Farroni in una difficile chiusura in corner. Sugli sviluppi il numero 1 abruzzese è bravo ad anticipare Goh. La Nuorese riprende il pallino del gioco, Gallo subentra a Molino e ispira subito un’ottima azione: il numero 19 serve Falasca che verticalizza per Curcio che a sua volta trova Cadau a centro area, il capitano controlla e conclude trovando la grande risposta di Farroni. Al 27’ è Tupponi ad avere la grande occasione: il classe 98 ruba palla sulla trequarti avversaria e si invola verso la porta, il suo tentativo trova la risposta di Farroni in uscita. L’azione continua e stavolta è Cadau a provarci trovando la respinta di Pupeschi. Il L’Aquila si vede solo al 37’ con una conclusione da dimenticare di Minincleri, replica Gallo con un tiro da fuori che finisce sul fondo.

La doccia fredda arriva al 42’: Ranelli riceve sulla sinistra, cross tagliato verso il centro dell’area dove Nohman, assai evanescente fino a quel momento, anticipa i centrali della Nuorese e mette in rete di testa. Non c’è la forza, né fisica né mentale per reagire, si arriva per inerzia al 94’, quando l’arbitro fischia la fine per la delusione della squadra, salutata comunque con calore dagli ultras, e del pubblico.

Francesco Tuffu redazione nuoresecalcio.com


 

Le interviste del dopogara

Mr. Battistini: " Abbiamo sofferto contro una squadra importante e che sta in buone condizioni a cui è stato regalato un calcio di rigore, un arbitraggio ridicolo, in realtà bisogna dire che la Nuorese ha avuto diverse occasioni per raddoppiare, i nostri ragazzi hanno messo cuore sino alla fine e hanno trovato il pareggio contro una delle migliori difese del campionato, un pareggio che dal punto di vista morale ci da coraggio".

Mr. Mariotti: " Abbiamo delapidato 7/8 palle gol nitide ma fa parte del gioco e loro ci hanno punito in una palla inattiva, è un campionato livellato  ancora tutto da giocare sia per quanto riguarda il primo posto che i play-off . Per il resto complimenti ai ragazzi che han fatto una grandissima partita, l'impegno è stato totale. Colgo l'occasione per augurare Buona Pasqua a tutti voi giornalisti, al pubblico di Nuoro e ai tifosi Adesso stacchiamo la spina e ci rivediamo martedi mattina alla ripresa degli allenamenti".


 

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 13817411
 179 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!