Home Squadra Stagione 2017-2018 Nuorese-Cagliari 0-3

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Giovedi, 23 Novembre 2017

Campionato di Serie D Girone G stagione 2017-2018

NUORESE

-

Prossimo incontro
26-11-2017 ore 14:30

BUDONI

-

PARTITE IN DIRETTA RISULTATI GIORNATA NOTIZIARIO | PAGINA FACEBOOK
CALENDARIO NUORESE CLASSIFICA GENERALE STATISTICHE CAMPIONATO
Nuorese-Cagliari 0-3
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Nuorese-Cagliari 0-3

grande festa al Frogheri
Nuorese: Calandra ( 50' Ferrara), Tupponi (46' Bottone), El Otmani (46' Gungui,62' Infante), Bilea (46' Kebbeh), Madero (84' Butterworth), Strumbo (46' Scintu), Cadau (81' Miscera), Gallo ( 63' Spirito) , Verachi( 46' Goh) ,Konè ( 80' Lai), Meloni (46' Melis). Allenatore: Massimo Agovino.
Cagliari: Crosta (68' Daga), Van der Wiel, Andreolli (47' Faragò), Dessena (48' Ionita), Cigarini, Joao Pedro (68' Ladinetti),Farias (47' Giannetti), Ceppitelli (47' Antonini), Pitzalis, Melchiorri, Cadili (85' Pavoletti).Allenatore: Diego Lopez
Arbitro: Giampaolo Scifo di Nuoro
Gol: 18' Melchiorri, 38' Joao Pedro, 84' Faragò
Note: 83' rigore a favore del Cagliari, Ferrara para il tiro di Giannetti; angoli 5-1 per il Cagliari, spettatori 1700 circa.
Doveva essere una grande festa e lo è stata: il “Franco Frogheri” riaccende le sue luci per accogliere il Cagliari che torna in città dopo quasi 10 anni per affrontare una Nuorese a caccia di iniezioni di fiducia per uscire dal periodo difficile.
L'emozione della notturna, un pubblico numeroso (che si spera di vedere anche nelle partite di campionato) e il calore dei bambini delle scuole calcio cittadine e del territorio hanno fatto cornice ad una bella partita che si è rivelata un test valido per entrambe le compagini: da una parte la Nuorese di Agovino ha disputato un ottimo primo tempo giocando su ottimi ritmi e qualche buona idea, dall'altra il Cagliari che sta iniziando ad assimilare i nuovi dettami di mister Lopez in vista dei difficili impegni che attendono i rossoblu dopo la sosta.
I verdeazzuri hanno affrontato la gara con lo spirito giusto soccombendo solo davanti alla maggior qualità della squadra avversaria, tra i singoli menzione speciale per Koné apparso in grande crescita, bene anche la linea difensiva e il solito Cadau. La nota dolente è rappresentata dalle condizioni di Meloni che lamenta un problema all'adduttore che lo tiene in forse per domenica.
Nuorese che scende in campo con la formazione tipo: davanti a Calandra linea difensiva con Tupponi, Madero, Strumbo ed El Otmani, il regista è Gallo con Cadau e Bilea ai lati, Meloni è il terminale offensivo affiancato da Verachi e Koné. Agovino a fine gara ci confermerà che questa sarà con tutta probabilità la formazione che scenderà in campo a Monterosi (Meloni permettendo).
Il Cagliari risponde con la difesa a 3: davanti a Crosta ci sono Andreolli, Ceppitelli e Cadili con Van der Wiel e Pitzalis sugli esterni, in mezzo è Cigarini a dettare i tempi con Dessena e Joao Pedro ai lati, in avanti Farias e Melchiorri.
Avvio agitato per un accenno di reazione di Joao Pedro su Cadau che indispettisce il pubblico del Quadrivio che non perdonerà il brasiliano fischiandolo al momento della sostituzione nella ripresa. Il primo squillo è della Nuorese con Koné che si libera in area di rigore e spara verso l'incrocio opposto, palla fuori di un niente. Il Cagliari risponde con un tiro-cross di Joao Pedro su cui è attento Calandra. Al 14' grande ripartenza dei verdeazzurri con Dessena che è costretto al fallo su Verachi a pochi metri dal limite, la punizione di Koné si infrange sulla barriera.
Dopo un avvio favorevole alla Nuorese, il Cagliari mette in campo esperienza e qualità e alla prima occasione passa: Dessena riceve sulla trequarti e lancia in verticale Melchiorri che scatta sul filo del fuorigioco e batte Calandra.
La Nuorese prova a reagire con il solito Koné che prova a sfondare centralmente ma viene chiuso da Andreolli e Ceppitelli. Alla mezz'ora il Cagliari va vicinissimo al raddoppio: Azione sulla destra di Van der Wiel che mette al centro per Melchiorri che alza incredibilmente da pochi passi.
Il gol arriva al 38' con Joao Pedro che ribadisce a rete una corta respinta di Madero al termine di un'azione insistita.
Due minuti dopo Calandra è strepitoso su Pitzalis ben imbeccato da Joao Pedro. È l'ultima occasione di un primo tempo che si chiude con un 2-0 che punisce oltremodo una Nuorese viva e ben messa in campo.
La ripresa si apre con tantissimi cambi da una parte e dall'altra: nella Nuorese si vedono Goh, Melis, Gungui, Scintu, Kebbeh, Ferrara e Bottone, nel Cagliari entrano Ionita, Antonini Lui, Giannetti e Faragò. Anche nella seconda frazione la prima a provarci è la squadra di casa con Kebbeh che conclude sull'esterno della rete. Lo stesso gambiano al 16' è protagonista dall'altra parte quando salva sulla linea sul colpo di testa di Dessena.
Rispetto al primo tempo i ritmi calano molto e le occasioni sono poche, come detto in precedenza il Quadrivio si scalda soprattutto al momento delle sostituzioni: fischi impietosi per un nervoso Joao Pedro, standing ovation per Koné e applausi convinti per capitan Cadau.
La gara si accende improvvisamente nel finale quando il signor Scifo assegna un calcio di rigore al Cagliari per un contatto tra Madero e Giannetti. Sul dischetto si presenta l'ex attaccante dello Spezia che esalta Ferrara, bravo nel respingere il rigore e la successiva ribattuta ma che non può fare nulla sul tap-in di Faragò che fa 3-0.
Il portiere napoletano si prende la scena anche allo scadere quando dice no al colpo di testa ravvicinato di Pavoletti.
Si chiude qui una bella serata che ha riportato il grande calcio a Nuoro e ha regalato confortanti segnali di risveglio ad una squadra che ne aveva davvero bisogno. È vero che l'avversario odierno, la cornice di pubblico e la notturna hanno dato grandi stimoli ma la riscossa della Nuorese non può che passare dallo spirito e dalla voglia di essere squadra che abbiamo visto stasera. La doppia trasferta di Monterosi e Rieti è certamente molto impegnativa ma questa squadra ha grandi qualità, deve semplicemente abbinare ad esse il giusto carattere. Siamo ancora in tempo.
Francesco Tuffu redazione nuoresecalcio.com
 

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 13817294
 115 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!