Home Squadra Stagione 2017-2018 Nuorese-Budoni:1-1

La Storia Della Nuorese Calcio Dal 1930 Ad Oggi

Mercoledi, 13 Dicembre 2017

Campionato di Serie D Girone G stagione 2017-2018

CASSINO

-

Prossimo incontro
17-12-2017 ore 14:30

NUORESE

-

PARTITE IN DIRETTA RISULTATI GIORNATA NOTIZIARIO | PAGINA FACEBOOK
CALENDARIO NUORESE CLASSIFICA GENERALE STATISTICHE CAMPIONATO
Nuorese-Budoni:1-1
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Nuorese-Budoni 1-1

l'appuntamento con la vittoria è rimandato

 

Nuorese: Ferrara, Tupponi, Bilea, Goh (58' Infante), Scintu, Strumbo, Cadau, Gallo, Konè, Verachi (58' Padulano), Mancosu.  A disposizione: Calandra, El Otmani, Spirito, Lai, Gungui, Bonamici, Kebbeh. Allenatore: Massimo Agovino.

Budoni: Trini, Santoro, Caputo, Monticelli, Cross, Varrucciu, Saiu, Stefanoni (46' Sarjang), Spina, Pusceddu (83' Scanu), Odianose (90'Deiana).   A disposizione: Matzuzi, Dessolis, Rodriguez, Murgia, Moro, Firinaiu Allenatore: Raffaele Cerbone.

Arbitro: Claudio Campobasso di Formia

Assistenti: Gabriele Mari e Giulia Tempestilli di Roma2

Gol: 62' Sarjiang, 84' Padulano

Ammonizioni: Strumbo, Gallo, Konè (N), Spina, Pusceddu, Stefanoni (B)

Note: spettatori 450 circa, recupero 2' 1tp 5' 2tp ,  angoli 7-0 per il Budoni

Il ritorno alla vittoria resta una chimera per la Nuorese che non va oltre il pareggio contro il Budoni. I verdeazzurri fanno la partita per tutti i 90 minuti ma pagano la troppa confusione e la mancanza di idee negli ultimi 30 metri, dove si sente eccome l'assenza di una punta di peso, e alcune sbavature difensive. Il risultato di oggi penalizza la squadra di Agovino che vedeva in questa gara l'occasione per tirarsi fuori dalle paludi della bassa classifica e premia il Budoni che nonostante le tante assenze porta a casa un punto prezioso in chiave salvezza. La parola retrocessione riecheggia per la prima volta anche nelle stanze di via Aosta, il rischio è concreto e questa squadra ha bisogno di una scossa per uscire dal periodo nero. Il mercato viene in soccorso della Nuorese ma non basta, serve che tutti recuperino la fiducia e la serenità perduta. Qualcosa si è visto anche oggi ma è ancora poco e il blackout avuto dopo lo svantaggio testimonia che sul piano mentale qualcosa non va. L'aver raggiunto il pareggio è l'unica vera nota positiva di giornata, era tutt'altro che scontato, ma è come la montagna che partorisce il topolino, urge tornare a fare i tre punti anche a dispetto di un calendario che nel mese di dicembre consegna alla Nuorese tre sfide molto difficili.


La partita: Agovino preferisce Ferrara a Calandra tra i pali, in difesa accanto a Strumbo si rivede Scintu con Tupponi e Cadau, alla centesima presenza in verdeazzurro, sulle fasce, in mediana dirige Goh con Gallo e Bilea ai lati, nel tridente offensivo è Mancosu a fare la punta centrale supportato da Verachi e Koné. Nel Budoni Cerbone deve fare i conti con le assenze di Sartor, Salvini, Farris e Malesa, il tecnico ospite si inventa Spina centravanti supportato dall'ex Pusceddu. Si gioca davanti a pochi intimi (e mai come stavolta gli assenti hanno torto) con gli ultras che espongono dei due aste raffiguranti dei salvagenti e la eloquente scritta “si salvi chi può”.

Nuorese che parte bene e all'8' va vicina al gol: azione insistita che porta Cadau sul fondo, cross di esterno e deviazione di testa di Mancosu che non centra la porta. Al 15' ci prova Bilea dalla distanza, il tiro del giovane 99 finisce fuori non di molto. Nei minuti successivi la squadra di casa alza la pressione e guadagna tre calci di punizione da posizioni interessanti, degna di nota solo l'ultima con Koné che impegna Trini in un difficile intervento, sul proseguo dell'azione ci prova Goh da fuori area, tiro alto. Il Budoni si vede solo alla mezz'ora ma è molto pericoloso: Pusceddu mette un pallone al centro dalla destra, liscio di Strumbo e Spina non è pronto per la deviazione decisiva. La squadra di Cerbone inizia a prendere campo e a soffrire meno l'iniziativa dei padroni di casa che si rivedono solo al 42' con una punizione di Koné che termina alta sopra la traversa. In chiusura ci provano gli ospiti con Odianose che trova l'attenta risposta di Ferrara.


La ripresa si apre con un un cambio operato da Cerbone che inserisce Sariang al posto di Stefanoni. La prima occasione è per Mancosu che ben innescato da Bilea anticipa Trini in uscita, la palla esce di un nulla. Al 5' brivido per un errore in disimpegno di Ferrara sulla pressione di Sariang, il rimpallo favorisce il giocatore ospite ma la palla finisce sul fondo. All'11 Koné prova a sorprendere Trini dalla distanza, l'estremo difensore ospite si salva in due tempi. Il tempo di registrare l'ingresso in campo di Padulano e Infante al posto di Goh e Verachi che arriviamo alla fase cruciale della partita. Al 15' la Nuorese si divora un gol già fatto: Padulano lancia Koné sulla destra, l'ivoriano alza la testa e serve al centro Infante che conclude debolmente addosso a Santoro, sulla palla si avventa Mancosu che appoggia debolmente tra le braccia di Trini. Passa un minuto e arriva il gol del Budoni: sugli sviluppi di un corner la difesa di casa dorme e consente a Odianose di fare sponda per l'accorrente Sariang che completamente indisturbato mette in rete di testa. Doccia fredda per squadra e pubblico e Nuorese completamente incapace di reagire. Pusceddu ha una buona occasione subito dopo ma spara alto. Lo stesso esterno di Orotelli ci prova alla mezz'ora dopo aver rubato palla a Bilea, anche stavolta manca la precisione. La Nuorese si rivede solo al 36' grazie a una discesa di Padulano sulla sinistra, cross per Mancosu che batte a rete trovando l'opposizione di un difensore. Tre minuti dopo arriva il meritato pareggio: Konè scodella in verticale per l'inserimento di Padulano che batte Trini in uscita. Il Quadrivio si rianima e la Nuorese prova a spingersi in avanti ma la beffa è dietro l'angolo: al 41' su un'azione di alleggerimento Santoro prova la conclusione da dentro l'area, Ferrara è battuto ma la palla finisce sul palo. Il finale vede la Nuorese caricare a testa bassa: al 45' Padulano lancia Cadau sulla destra, sul suo tiro cross non ci sono deviazoni vincenti. Due minuti dopo è Mancosu a impegnare Trini in un difficile intervento.

È l'ultima occasione di una partita che lascia l'amaro in bocca, doveva essere la gara del ritorno alla vittoria e invece ci si ritrova con un solo punto e una classifica che preoccupa seriamente. Va salvata la reazione, seppur tardiva, del finale e la buona volontà mostrata per quasi tutta la partita ma per risalire la china serve ben altro, la società è già al lavoro. Speriamo bene.

Francesco Tuffu redazione nuoresecalcio.com

 

La Nuorese è come una bella donna, più la guardi e più ti innamori!!

Tot. visite contenuti : 13998557
 378 visitatori online
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando qui!